Napoli, demA: arresti piazza Bellini frutto politica lanciafiamme

Psc

Napoli, 16 giu. (askanews) - "Il brutto clima dei giorni scorsi la causa principale" di quanto accaduto in piazza Bellini, a Napoli, la sera dello scorso 14 giugno quando si sono registrate tensioni tra polizia e ragazzi dei centri sociali. "E' l'immagine del lanciafiamme contro la vitalit della citt": cos, in una nota, il movimento politico demA, fondato e presieduto dal sindaco partenopeo, Luigi de Magistris. "Apprendiamo con sollievo la notizia della scarcerazione delle tre persone arrestate - si legge nel documento per la stampa - Quanto accaduto non nasce a caso. il frutto di un clima di tensione generato in questi mesi dal richiamo a politiche securitarie, che criminalizzano la ripresa della vita della citt e di cui sono vittime gli individui e le collettivit, con le stesse forze dell'ordine che si trovano a dover gestire campi di azione diversi e imprevedibili". Il movimento sottolinea che "le istituzioni tutte si devono far carico di questo clima" e auspica che "si faccia quanto prima chiarezza sull'accaduto" confidando "nell'equilibrio della magistratura e che questo clima, frutto di una politica del lanciafiamme, cessi quanto prima". "Riteniamo sbagliate e pericolose le decisioni di restringere gli spazi di agibilit della nostra citt, cos come siamo preoccupati di un clima di contrapposizione tra cittadini e forze di polizia che, invece, insieme devono affrontare un periodo cos difficile nel bene comune della nostra citt", si legge ancora nella nota. (segue)