Napoli (Fi): grazie a Lamorgese No Tav violenti alla sbarra

Pol/Vlm

Roma, 18 dic. (askanews) - "Grazie alla Digos e alle forze di sicurezza, ma grazie anche al ministro dell'Interno Luciana Lamorgese si chiude una stagione di impunità per i violenti da sempre infiltrati nel movimento No Tav. L'operazione condotta stamane dalla Digos ha portato all'arresto di 14 dirigenti di Askatasuna, ma non solo se è vero che avresti sono stati eseguiti anche a Vicenza, Modena e Parma. A conferma di una tesi da me sempre sostenuta, e cioè che l'opposizione violenta alla Tav aveva scarso seguito in Valsusa mentre importanti erano gli apporti che venivano dai centri sociali del Nord Italia". Lo dichiara in una nota Osvaldo Napoli, capogruppo di Forza Italia al Comune di Torino.

"Con gli arresti di questa mattina cade un tabù che da alcuni anni voleva vedere nei "centri sociali" un luogo di elaborazione culturale, di dialogo e di confronto sia pure fra "estremi" sociali. Alla base degli arresti ci sono gli scontri violenti dello scorso 27 luglio al cantiere di Chiomonte. Ora si tratta di procedere alla bonifica di quegli spazi pubblici abusivamente occupati dai "centri sociali". Senza giri di parole, mi rivolgo al sindaco Appendino: faccia chiarezza dentro la sua maggioranza e veda di richiamare al buon senso quegli esponenti del M5s che per troppo tempo hanno strizzato l'occhio ad Askatasuna. I torinesi non tollerano ulteriori ambiguità", conclude.