Napoli, incidente: anziano picchiato da motociclista

·2 minuto per la lettura
Dopo l'incidente, picchia il vecchio
Dopo l'incidente, picchia il vecchio

Bagnoli, quartiere della periferia occidentale di Napoli, mercoledì 3 febbraio: un motociclista tampona l’automobile di un uomo di 70 anni, non rispettando la precedenza.

Sembra la descrizione banale di un solito incidente quotidino. Invece, si è trasformato in una vera e propria aggressione: il motociclista, 35enne, ben piazzato, ha picchiato l’anziano che guidava l’auto. Il vecchietto è finito in ospedale con prognosi di 21 giorni, tuttavia le forze dell’ordine cercano senza sosta il ragazzo, che avrebbero già identificato.

LEGGI ANCHE>> Motociclista di 48 anni muore durante triplice incidente stradale.

Incidente all’incrocio, lo picchia e gli sfonda l’auto

L’incidente è avvenuto in via Ilioneo, nella parte alta del quartiere di Bagnoli.

L’anziano stava proseguendo tranquillamente per la sua strada. E’ stato il 35enne ad arrivare a tutta velocità da una traversa. A quanto pare, non era da solo: era in compagnia di una ragazza. E’ così avvenuto lo scontro con la parte anteriore dei veicoli. I due ragazzi sarebbero caduti dalla moto, ma senza avere conseguenze. L’accaduto, però, non si è concluso in questo modo semplice. Piuttosto, la faccenda si è aggravata: infatti, quando il 70enne è uscito dalla sua vettura per aiutare i ragazzi, il giovane ha iniziato ad insultarlo. E non si è fermato qui.

Ha iniziato a colpire i vetri dell’automobile, mandoli in frantumi, con il suo stesso casco. Poi, sempre con l’aiuto del casco stesso, ha colpito l’anziano uomo alla testa. Quest’ultimo è ovviamente caduto a terra, mentre i passanti sono corsi immediatamente in suo aiuto. Il 35enne non contento, affinchè il vecchietto perdesse i sensi, gli ha dato il colpo di grazia con un pugno.

Assieme alla ragazza è riuscito a fuggire con la moto. Il 70enne, invece, è stato portato d’urgenza in ospedale con lesioni, però, guaribili in 20 giorni.

La Polizia ha cercato di ricostruire l’accaduto grazie alle telecamere di sorveglianza che c’erano nei paraggi, ma anche grazie alle testimonianze dei presenti. Per cui, il ragazzo è già stato facilmente identificato. Devono solo trovarlo.