Napoli, mareggiata fa crollare arco borbonico: era l’ultimo di un molo del ‘700

·1 minuto per la lettura
arco borbonico napoli
arco borbonico napoli

L’arco borbonico del borgo dei marinai di Santa Lucia, a Napoli, è crollato a causa delle violente mareggiate che si sono abbattute sulla provincia in questi giorni. Si trattava dell’ultima testimonianza del porticciolo risalente al ‘700. Da anni era pericolante ed in evidente stato di abbandono. La burrasca è stata fatale.

La storia dell’arco borbonico

L’arco borbonico era stato creato nel ‘700 come approdo per i pescatori cosiddetti “luciani”, dal vicino borgo di Santa Lucia. Nel secolo successivo, invece, era stato trasformato in terminale dello scarico fognario, venendo ribattezzato dai napoletani ‘O Chiavicone. Il vecchio porticciolo, che adesso non esiste più, è protagonista in tanti dipinti della Scuola partenopea. A rappresentarlo nel suo stato originario adesso rimangono soltanto questi ultimi.

Negli anni scorsi era stato infatti lasciato all’incuria. Prima delle burrasche l’arco borbonico era in bilico su un unico masso, recentemente puntellato con i tubi innocenti. Non sono stati tuttavia sufficienti ad evitargli il crollo.