**Napoli: Migliore (Iv), 'ora primarie strada obbligata'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 19 mag. (Adnkronos) – "Io penso che per governare Napoli ci vuole il coraggio di assumersi le proprie responsabilità. Non è possibile aspettare che prima vengano risolti i problemi di bilancio creati dalla disastrosa gestione De Magistris e poi dare la disponibilità a candidarsi. Siamo fuori tempo massimo. Per questo servono le primarie". Gennaro Migliore di Italia Viva rilancia le primarie a Napoli dopo il 'passo di lato' di Gaetano Manfredi in assenza di un patto per il risanamento dei conti del Comune.

"A questo punto -dice Migliore all'Adnkronos- le primarie mi sembrano la strada obbligata per mantenere unita la coalizione". Ma il resto della coalizione, innanzitutto il Pd, è d'accordo? "Per ora si è aperto uno spiraglio dovuto più all'impossibilità di convergere su un nome, viste le defezioni, ma mi sembrerebbe davvero illogico che non possa esserci a Napoli questa possibilità che invece c'è altrove".

"Non vorrei che si facesse di Napoli una bandierina. Se l'alleanza Pd-M5S non è riuscita in altre città, non ci si può aggrappare a Napoli come ultima possibilità disinteressandosi della città. Napoli non è l'ultima ruota del carro e non può essere legata alla volontà di un accordo nazionale che non demonizzo ma il Conte 2 non c'è più, siamo in una fase totalmente diversa. E poi con quali voti passerebbe una legge speciale per Napoli? Si può fare solo c'è l'accordo di tutte le forze politiche, non se diventa la bandiera di un candidato di parte", sottolinea Migliore.