Napoli in rivolta per il cane ucciso Rocky, nulla contro la camorra

cane rocky giustizia

Via Rosaroll, Napoli, tutti conoscono la sua storia, tutti conoscono il degrado e le attività malavitose che avvengono nel quartiere, eppure tutto tace. Morto il cane Rocky, ucciso da un poliziotto durante l’arresto di un pregiudicato, si è assistito ad un corteo che mal si sposa con quanto accaduto.

Napoli in rivolta per Rocky

A spendere parole sull’accaduto è Ciro Pellegrino, con enfasi e dolore quasi. Conosce bene quel quartiere, ed in particolare via Cesare Rosaroll, a Napoli, tra Vasto e via Floria, dove ha visto bombe scoppiare ed episodi di piccola criminalità. L’uccisione di Luigi Galletta, nel 2015 in via Carbonara, come se fosse un fatto normale, gli scippi agli angoli delle strade e la paura degli agguati nei giorni della faida dei baby boss di camorra, poi morti ammazzati. Silenzio. Tanto silenzio. Le rapine ai turisti e le minacce di morte ai giovani. Ancora silenzio. Ma non per la vicenda del cane Rocky e per la manifestazione che è seguita sabato 20 luglio, dove circa 300 persone hanno manifestato per la morte del pitbull, dopo il tentativo della polizia di arrestare il suo padrone, un pregiudicato di 25 anni.

cane rocky napoli

Rocky ucciso scatena gli animalisti

Pellegrino invita gli animalisti scesi in piazza per protestare a farsi un esame di coscienza, perché Rocky – ucciso sì per mano delle forze armate, è intervenuto attaccando i poliziotti che, nel mezzo di quel parapiglia, nulla hanno potuto fare se non sacrificare l’animale per evitare di uccidere il giovane criminale che si è presentato – stando al rapporto, con una finta pistola. Un sacrificio, quindi, che ha salvato la vita del padrone. O del pregiudicato. E lancia un appello a tutti coloro che si sono scagliati contro le forze dell’ordine, tra minacce e toni duri, a riflettere bene sulle condizioni di vita del quotidiano del quartiere, dei tanti gesti non condannati dagli abitanti e di come realmente si vive nel quartiere, per evitare di distorcere i fatti. Raccontando magari che la polizia è intervenuta uccidendo di proposito il cane e non per difendere e salvare la vita di un pregiudicato per una futura condanna. E invitando ad alzare la voce per condannare i veri gesti sbagliati e la realtà impossibile del quartiere.