Napoli, San Gennaro, sangue sciolto già apertura cassaforte

Aff

Napoli, 19 set. (askanews) - In una cattedrale di Napoli gremita di fedeli, l'arcivescovo di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe, alle 10.04 ha annunciato il prodigio dello scioglimento del sangue di San Gennaro. Già durante il percorso che porta dalla cappella dove è custodita la reliquia del Santo, all'altare, il sangue era visibilmente sciolto e il passaggio dell'ampolla è stato accompagnato dagli applausi dei fedeli. Lo sventolio di un fazzoletto bianco da parte di un membro della Deputazione di San Gennaro e l'annuncio dell'Arcivescovo hanno certificato l'avvenuto 'miracolo'. "Vi do la bella notizia, il sangue è sciolto" sono state le parole di Crescenzio Sepe.

Già dalle 8:00 di questa mattina la cattedrale era gremita. Tante le autorità presenti alla cerimonia: dal sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, che ha percorso la navata insieme al Cardinale Sepe e a monsignor Vincenzo De Gregorio, il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, al prefetto di Napoli, Carmela Pagano. All'esterno della chiesa anche una delegazione degli operai della Whirlpool di Napoli. I lavoratori, con una tshirt bianca con la scritta "Whirlpool, Napoli non molla" chiedono chiarezza sul futuro della fabbrica di Napoli. Il cardinale Sepe al termine delle celebrazioni si è recato all'esterno del Duomo con l'ampolla per benedire i tanti fedeli che non sono riusciti ad entrare all'interno della chiesa, dedicando un pensiero proprio ai lavoratori della Whirlpool. Il miracolo avviene tre volte l'anno: a settembre, nel giorno appunto di San Gennaro, nel sabato che precede la prima domenica di maggio e il 16 dicembre.