**Napoli: settimana decisiva per Pd-M5S, Letta e Conte al lavoro**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 25 mag. (Adnkronos) – "Alleanza appesa a un filo? E perchè? Il documento unitario è stato firmato quando non c’era Manfredi e quegli impegni restano tutti". Un big del Nazareno che segue il dossier amministrative respinge così, parlando all'Adnkronos, l'ipotesi che possa naufragare l'alleanza Pd-M5S anche a Napoli, unica tra le grandi città al voto in autunno in cui l'intesa sembrava a portata. Dopo mesi di lavoro al tavolo della coalizione e il via libera a un documento unitario, tutto è stato rimesso in discussione dal passo indietro di Gaetano Manfredi, candidato in pectore dell'alleanza Pd-M5S a Napoli.

Ed ora, se il patto di coalizione c'è, è il candidato a non esserci. Il presidente della Camera, Roberto Fico, sembra essersi tirato fuori definitivamente. E resta anche confermato, per ora, il rifiuto di Manfredi. I prossimi giorni saranno decisivi per verificare un ripensamento o per l'individuazione di un nuovo candidato condiviso, impresa quest'ultima complicata.

Si fanno i nomi di Enzo Amendola, Paolo Siani, Sergio Costa. Ma il 'recupero' di Manfredi per molti sarebbe la via maestra per 'salvare' l'alleanza a Napoli. Dal canto loro Enrico Letta e Giuseppe Conte, si riferisce, non mollano la presa. Si vocifera di un possibile incontro nei prossimi giorni, al momento non confermato. "Ma si sentono continuamente", spiegano fonti parlamentari Pd.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli