Napoli: si ripete il prodigio San Gennaro, il sangue si è sciolto

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Napoli, 19 set. (askanews) - Alle 9 e 27 minuti si è rinnovato, nella cattedrale di Napoli, il fenomeno della liquefazione del sangue di San Gennaro. Nell'ampolla tenuta in mano da Don Domenico Battaglia, Arcivescovo Metropolita di Napoli, il sangue si è sciolto come accade ogni anno nel giorno della celebrazione della festività del santo patrono partenopeo e campano.

Come di consueto il prodigio è stato salutato dallo sventolio di un fazzoletto bianco da parte di un membro delegato della Deputazione di San Gennaro. Le celebrazioni di quest'anno si sono svolte con le modalità pre-covid, quindi senza restrizioni e con il Duomo di Napoli gremito di fedeli. Prima di esporre le reliquie sull'ostensorio posizionato sull'altare, il presule aveva stretto al suo petto l'ampolla con il sangue percorrendo la navata centrale del Duomo dopo averla prelevata dalla cassaforte che custodiscono il reliquiario. Alle celebrazioni hanno partecipato, oltre al sindaco di Napoli Gaetano Manfredi in qualità di presidente della Deputazione di San Gennaro, anche il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, il ministro della Cultura, Dario Franceschini e il vicepresidente della Camera, Ettore Rosato.

(segue)