Napoli, sorelle aggredite con l'acido: la zia confessa

Napoli, sorelle aggredite con l'acido: la zia confessa
Napoli, sorelle aggredite con l'acido: la zia confessa

Sorelle sfregiate con l’acido a Napoli, la zia confessa e ammette di aver compiuto il terribile gesto. Una 22enne, di nome Francesca, ha dichiarato di aver aggredito le due ragazze di 24 e 17 anni con liquido corrosivo.

Sorelle sfregiate con l’acido a Napoli, la zia confessa

La zia delle sorelle sfregiate con l’acido si è costituita a seguito di una confessione. Nel pomeriggio di ieri, 31 maggio 2022, la giovane era stata interrogata a lungo dalla squadra mobile di Napoli. Il reato che la pubblica ministera Giulia D’Alessandro le contesta è quello di deformazione dell’aspetto di una persona mediante lesioni permanenti al viso.

Napoli, sorelle sfregiate con l’acido: chi era l’obiettivo della zia

Secondo quanto stabilito da D’Alessandro, la pena prevista va da otto a quattorci anni di carcere per la zia delle sorelle sfregiate con l’acido. L’obiettivo dell’aggressione sarebbe stata solo la maggiore delle due, mentre l’altra è stata colpita per sbaglio. Al momento è caccia agli altri coinvolti in quella che sembra a tutti gli effetti una spedizione punitiva: erano tre uomini e tre donne, di cui una era la zia delle giovani.

Sfregiate con l’acido, investigatori in cerca del movente

Al momento non ci sono ancora certezze sul movente dell’aggressione con l’acido, gli inquirenti stanno controllando i profili social delle persone coinvolte e interrogando diverse persone, tra parenti e familiari delle vittime.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli