Napoli, sorelle sfregiate con l'acido: aggredite da altre ragazze, la ricostruzione

Napoli, l'ospedale Cardarelli REUTERS/Ciro De Luca
Napoli, l'ospedale Cardarelli REUTERS/Ciro De Luca

Due sorelle, di 24 e 17 anni, sono state aggredite con dell'acido la scorsa notte nelle strade di Napoli. Le due, ricoverate per le ustioni al Cardarelli, hanno presentato denuncia per l'accaduto.

Secondo la ricostruzione della polizia, che ha sentito le due giovani sorelle, l'aggressione è avvenuta poco dopo l'una di notte mentre stavano camminando in corso Amedeo di Savoia. Da un momento all'altro, mentre le due stavano passeggiando, le si sono avvicinate altre tre ragazze che avrebbero lanciato contro di loro l’acido.

Tutto molto veloce, dunque probabilmente architettato. Le tre ragazze sarebbero poi scappate su tre scooter, guidati da altrettanti ragazzi. Le due sorelle, invece, sono state soccorse e ricoverate nel reparto grandi ustionati dell’ospedale Cardarelli con ustioni al braccio e al volto. La sorella maggiore ha riportato ustioni alla guancia sinistra e ad un braccio, mentre la minore alla guancia destra ed al naso.

Le ferite riportate, ha confermato successivamente il nosocomio partenopeo, non hanno richiesto particolari cure e le due sono state dimesse e ritorneranno a visita di controllo tra qualche giorno.

VIDEO - Gessica Notaro, fu sfigurata dall'ex fidanzato, ora piange di gioia

Sempre secondo quanto riferito dalla polizia, le due hanno raccontato di non sapere i motivi dell'aggressione e hanno deciso di sporgere denuncia in Questura a Napoli.

La Squadra Mobile, che è intervenuta sul posto, è al lavoro per ricostruire l'accaduto. Le indagini sono volte a comprendere cosa sia accaduto e i motivi dell'aggressione, ma al momento si esclude che la vicenda sia maturata in ambienti riconducibili alla criminalità. Piuttosto sembra avere caratteristiche più vicine a una ritorsione tra giovani, con le giovani sorelle vittime di una vendetta da parte di una delle tre ragazze che le hanno aggredite. Le indagini, almeno al momento, sembrano non potersi avvalere, considerata la zona dove il fatto è successo, delle immagini dei sistemi di video sorveglianza.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli