Nasa e Giappone insieme per le missioni lunari Artemis

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 13 gen. (askanews) - La NASA e il governo del Giappone hanno finalizzato un accordo per la stazione cislunare Lunar Gateway, avamposto orbitante tra la Terra e la Luna che partner commerciali e internazionali, tra cui l'Europa attraverso l'Esa costruiranno insieme. Questo accordo rafforza il grande sforzo degli Stati Uniti per coinvolgere partner internazionali nell'esplorazione lunare come parte del programma Artemis e per mettere a punto le tecnologie necessarie per le future missioni umane su Marte.

In base a questo accordo, il Giappone fornirà diverse funzionalità per il modulo I-Hab (International Habitation) del Lunare Gateway, costruito in Italia da Thales Alenia Space e che costituirà il cuore delle capacità di supporto vitale della nuova base orbitante e l'habitat in cui l'equipaggio vivrà, lavorerà e condurrà ricerche durante le missioni Artemis.

I contributi pianificati della Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) includono il controllo ambientale e il sistema di supporto vitale dell'I-Hab, le batterie, il controllo termico e componenti ottici che saranno integrati nel modulo dall'Agenzia spaziale europea (ESA) prima del lancio. Queste capacità sono fondamentali per le operazioni della Lunar Gateway durante lunghi periodi di tempo con o senza equipaggio a bordo.

"Siamo onorati di annunciare questo ultimo accordo con il Giappone per supportare l'esplorazione umana a lungo termine sulla Luna come parte del programma Artemis - ha commentato l'amministratore della NASA, Jim Bridenstine - il rafforzamento delle nostre partnership internazionali e dei nostri impegni nei confronti del programma Artemis mette l'umanità su un solido percorso per raggiungere i nostri obiettivi comuni di esplorazione lunare entro la fine di questo decennio".

In base ad un accordo con Northrop Grumman, il Giappone fornirà anche le batterie per il Gateway's Habitation and Logistics Outpost (HALO), il modulo per gli astronauti in arrivo sul Gateway. Inoltre, la Jaxa sta studiando miglioramenti per la sua navetta spaziale cargo HTV-X senza equipaggio per estendere il suo utilizzo anche al rifornimento logistico della Lunar Gateway.

L'accordo segna anche l'intenzione della NASA di fornire opportunità di volo sulla Lunar Gateway - e presumibilmente sulla stessa Luna - agli astronauti giapponesi.

Il Giappone si unisce, dunque, ad altri due partner internazionali nell'impegno verso il Gateway con la NASA: il Canada e l'Europa attraverso l'Esa e anche l'Italia che, con l'Asi e l'industria aerospaziale italiana ha un ruolo fondamentale nella costruzione della base.