Nasce al Gemelli l'Unità di Ricerca Covid-19 -3-

Red/Nav

Roma, 20 mar. (askanews) - Mancano ormai sole 72 ore all'apertura del Columbus Covid 2 Hospital, l'ospedale realizzato a tempo di record da tutto lo staff tecnico della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS per fornire nuove importanti armi a Roma, alla Regione Lazio e al Paese per contrastare l'infezione da Coronavirus. Da lunedì 16 marzo saranno attivi e operativi i primi 21 posti letto di Terapia intensiva e 28 posti letto singoli dedicati alle degenze ordinarie e avverrà il trasferimento dei primi pazienti contagiati da Covid19 al momento ricoverati in aree protette presso il Policlinico Gemelli.

E oggi, in contemporanea con la conferma dell'apertura del Covid 2 Hospital il Presidente della Fondazione Giovanni Raimondi annuncia una importante partnership della Fondazione Gemelli IRCCS con Eni Spa che con un contributo straordinario sosterrà tutti gli investimenti necessari per il Columbus Covid 2 Hospital. "Siamo davvero grati a Eni e riconoscenti per la sensibilità e la generosità dimostrata in una emergenza sanitaria mondiale - afferma il Presidente Raimondi - , manifestando così attenzione concreta verso i malati e verso l'equipe medica e sanitaria che senza sosta assicura ai degenti affetti da Covid19 le migliori cure possibili nella massima sicurezza. Una scelta di grandissimo rilievo da parte di un gruppo che è una colonna portante del Paese a supporto delle strutture sanitarie su cui ricade oggi il compito di fronteggiare una situazione di emergenza sanitaria senza precedenti".

La nascita di Columbus Covid2 Hospital, annunciata venerdì 6 marzo in una conferenza stampa presso la Regione Lazio, diventa quindi realtà. Il Columbus Covid2 Hospital dovrà assistere i pazienti affetti o i casi sospetti di Covid19 al fine di supportare l'Hub Regionale - Ospedale Spallanzani nel fronteggiare l'emergenza sanitaria in atto. (Segue)