Nasce il gemello digitale in 4D dell’Appia Antica

featured 1619711
featured 1619711

Milano, 17 giu. (askanews) – L’Appia antica vivrà per sempre. A renderla immortale oltre il tempo e lo spazio una innovativa opera di digitalizzione e rilievo. Un “Atlante geografico digitale 4D” realizzato dal Parco archeologico Appia Antica insieme con il Politecnico di Milano, grazie al lavoro svolto dal laboratorio interdisciplinare GIcarus-ABCLab.

L’obiettivo non è creare solo una copia virtuale, ma “un gemello digitale vivo” a disposizione nel tempo di chi si occupa di restaurare e conservare l’area urbana sotto tutela più estesa d’Europa. Come, lo spiega Raffaella Brumana responsabile laboratorio Gicarus del Polimi. “Vuol dire smontare a pezzi tutte queste tracce storiche dei monumenti, usiamo la migliore strumentazione, tera e tera di dati, che poi confluiranno nella ricostruzione modellativa che sarà integrata dalle informazioni”.

Sono già stati digitalizzati, e sono solo alcuni esempi, oltre 10 km della via Appia e alcuni complessi come la Tomba di Cecilia Metella: oltre 200.000 immagini e 20 Tera di dati e modelli tridimensionali.

“Il valore dei nostri modelli digitali cerca di coniugare gli aspetti morfologici e metrici, e quindi l’attendibilità della misura, con i valori intangibili come valori storici e culturali nei modelli che cerchiamo di sviluppare partendo da laser scanner topografici”, ha spiegato Fabrizio Banfi, ricercatore dipartimento Abc del Polimi.

Uno strumento che da scientifico diventerà a disposizione della comunità grazie a una piattaforma interattiva in cui coinfluiranno tutti i dati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli