A Rimini nasce gruppo Whatsapp contro controlli. Si chiama "Supereroi contro le forze dell'ordine"

Ludovico Luongo

Una volta nascevano come controllo di vicinato, per i posti di blocco o per gli autovelox. Oggi arrivano anche per i controlli sul rispetto del DPCM contro il coronavirus. 'Super eroi contro le forze dell'ordine': è questo il nome di un gruppo Whatsapp che ha preso vita a Rimini per avvisarsi a vicenda dei punti esatti in cui le forze dell'ordine verificano la corretta applicazione delle normative. A denunciarlo oggi è stato l'assessore comunale riminese alla Polizia Municipale Jamil Sadegholvaad. “E' allucinante, è una logica criminale – commenta – in un momento in cui si è impegnati per contrastare la diffusione del virus. Tutti noi, a partire dai medici e dai sanitari che ogni giorno accolgono e curano i malati, stiamo facendo di tutto per limitare il contagio e c'è chi fa di queste cose. Mi sono sentito in dovere – aggiunge – di avvisare subito la questura e spero che presto vengano individuati i responsabili e si proceda contro di loro visto che si tratta di un reato”.