Natale, Conegliano regala al Papa un presepe veneto

Ska

Città del Vaticano, 4 dic. (askanews) - Giovedì 5 dicembre, alle ore 16.30, il Cardinale Giuseppe Bertello e il Vescovo Fernando Vérgez Alzaga, rispettivamente Presidente e Segretario Generale del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, inaugureranno il Presepe e l'illuminazione dell'albero di Natale allestiti in Piazza San Pietro.

Quel giorno sarà esposto, nell'Aula Paolo VI, anche il dono al Santo Padre. Si tratta di un Presepe artistico a cura dei volontari del "Gruppo Presepio Artistico Parè di Conegliano", che da quasi quindici anni allestisce presepi artistici di varia ambientazione e ispirazione nei locali della parrocchia Beata Vergine Maria di Fatima.

Il Presepio in Aula Paolo VI sarà carico di riferimenti al territorio veneto: la Sacra Famiglia, troverà ospitalità nell'ottocentesca Casera di Malga Fittanze, in quel di Erbezzo (VR). La Lessinia, con i suoi "stalloni" caratterizzati da gotici archi a sesto acuto, ci rimanderà all'immaginario dell'umile grotta dove nacque il Salvatore, rappresentato (come tutti i personaggi) da statue lignee interamente scolpite a mano alte 120 centimetri. Si tratta di vere e proprie opere d'arte concepite dall'esperienza dei maestri di Ortisei in Val Gardena (BZ), i quali, di generazione in generazione, si tramandano le competenze nella scultura, nella pittura e nella sartoria. L'impianto di illuminazione artistica sarà a basso impatto ambientale e funzionale agli scenari richiesti, grazie ai led regolabili nell'intensità luminosa, nella temperatura di colore e nei tempi di accensione. Come l'albero, il Presepe in Piazza San Pietro rimarrà esposto fino al 12 gennaio 2020.