Natale, donati dal Consiglio Regionale Lazio oltre 500 regali sospesi Unicef

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 dic. (Adnkronos) – In occasione del Natale il Consiglio Regionale del Lazio ha deciso di dare un sostegno concreto a tanti bambini in difficoltà, sostenendo l’iniziativa dell’Unicef Italia 'Regalo sospeso' realizzata in collaborazione con Clementoni: oltre 500 bambini ricoverati nei reparti di pediatria del Lazio – alcuni dei quali in Oncologia pediatrica – riceveranno speciali kit gioco.

L’iniziativa è stata presentata oggi a Roma, nel corso di una conferenza stampa al Policlinico Umberto I a cui hanno partecipato: Daniele Leodori, Vicepresidente della Regione Lazio; Rodolfo Lena, Presidente della Commissione Sanità della Regione Lazio; Paolo Rozera, Direttore generale dell'Unicef Italia; Fabrizio d’Alba, Direttore generale del Policlinico Umberto I; Pierpaolo Clementoni, Direttore Ricerca Avanzata e Area Test Clementoni.

Tre le consegne speciali dei regali sospesi: al termine della Conferenza, una delegazione con il Portavoce dell’Unicef Italia Andrea Iacomini, ha distribuito i regali sospesi nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico Umberto I e subito dopo all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù; domani alle 13, presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs a Roma, avverrà la terza consegna del Regali sospesi a Roma.

Il “Regalo sospeso” è un’iniziativa dell’Unicef Italia, realizzata quest’anno in collaborazione con Clementoni, con l’obiettivo di consegnare a 2.000 bambini – ospitati in strutture ospedaliere e in casefamiglia in Italia – speciali kit gioco realizzati dallo street artist romano Merioone, e aiutare tanti bambini vulnerabili nel mondo. Ogni Regalo è composto da un activity book, puzzle, kit per colorare e carte mimo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli