Natale e Covid, Cacciari sbotta: "Mai fatto orge, dibattito surreale"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Non ho mai fatto orge a Natale… Certo che siamo disposti a non andare in discoteca, sembra che il problema sia questo. Il problema sono milioni di persone in cassa integrazione, persone che sono a casa con angoscia perché rischiano di perdere il lavoro". Massimo Cacciari detesta il dibattito sul 'Natale sobrio' nell'era del covid.

"L’80% delle partite Iva è alla canna del gas e siamo qui a parlare del cenone. Non è che tali questioni vengono affrontate se si riapre un giorno prima o un giorno dopo. Se gli scienziati dicono che certe regole servono fino al 31 marzo, va bene", aggiunge a Otto e Mezzo su La7. "Ma noi di sinistra dobbiamo porci il problema di diseguaglianze intollerabili all’interno di questa situazione. Discutiamo di aziende che chiudono e gente che va a casa. Alla fine dell’anno avremo 2700 miliardi di debito, chi li paga? Questi sono i discorsi da fare, gli scienziati mi dicano poi se devo restare a casa o posso andare al ristorante", ribadisce.