Nato, Trump attacca Macron: "Offensivo e irrispettoso"

webinfo@adnkronos.com

"Penso che sia stato molto offensivo, sono rimasto molto sorpreso, è stato molto irrispettoso". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, commentando le parole del presidente francese Emmanuel Macron, che ha definito la Nato in stato di "morte cerebrale". Si è trattato di "una dichiarazione molto, molto sgradevole per gli altri 28 Paesi" della Nato, ha aggiunto Trump, parlando prima del bilaterale a Londra con il segretario generale dell'Alleanza atlantica Jens Stoltenberg. 

"Nessuno ha più bisogno della Nato della Francia. E' una dichiarazione molto pericolosa per loro", ha aggiunto il presidente degli Stati Uniti, secondo cui l'Alleanza atlantica "serve a un grande obiettivo". Il bilaterale tra Trump e Stoltenberg è avvenuto a margine del vertice dei leader della Nato, che si aprirà stasera con un ricevimento a Buckingham Palace offerto dalla regina Elisabetta.  

Trump non si è limitato a stigmatizzare "l'irrispettoso" commento di Macron, ma ha voluto anche sottolineare che la "Francia non va molto bene economicamente". "Hanno cominciato a tassare i prodotti degli altri, così noi tassiamo i loro, sta avvenendo sulla tecnologia e noi lo facciamo col vino", ha proseguito Trump, riferendosi alla web tax per la quale gli Usa hanno minacciato ritorsioni sui dazi. "Sono dichiarazioni molto dure, quando uno ha già tante difficoltà in Francia, vedi i gilet gialli", ha incalzato il presidente.  

"Nessuno più della Francia ha bisogno della Nato e francamente chi ne beneficia meno sono gli Stati Uniti", ha detto Trump, che è tornato a lamentarsi del fatto che Washington paghi un contributo "sproporzionato" all'Alleanza Atlantica, puntando in particolare il dito contro la Germania, che dedica alla Difesa una percentuale della sua spesa infinitamente inferiore a quella degli Stati Uniti. "Non è giusto trarre vantaggio dalla Nato e trarre vantaggio dal commercio...Non possiamo lasciare che ciò accada". quindi, lodando gli sforzi di Stoltenberg - "un lavoro fantastico"- per spingere gli altri alleati a rafforzare la spesa per la difesa, Trump ha voluto sottolineare come questi incrementi trascurino però i mancati pagamenti degli anni passati.  

BREXIT - Trump ha poi spiegato di non voler fare dichiarazioni sulle elezioni del 12 dicembre prossimo nel Regno Unito: "Non mi voglio far coinvolgere, rimango fuori dalle elezioni". Ma poi ha aggiunto: "Sapete che ero un fan della Brexit, l'ho predetta un giorno prima". Nonostante nei giorni scorsi sia da parte americana che britannica fosse stato detto che non ci sarebbe stato un incontro formale a Downing Street tra il presidente ed il premier Boris Johnson, Trump ha affermato che avrà un incontro con il leader conservatore di cui ha tessuto le lodi, definendolo "molto capace" e sottolineando che "farà bene il suo lavoro".