Naufragio migranti, Alarm Phone: “67 morti al largo della Libia”

Alarm Phone

Il centralino di Alarm Phone ha ricevuto una segnalazione da parte di un pescatore in merito ad un naufragio al largo della Libia. In base a tale testimonianza, circa 30 persone sarebbero sopravvissute, mentre 67 sono morte.

La segnalazione di un peschereccio ad Alarm Phone

Nel tardo pomeriggio un pescatore ha chiamato Alarm Phone e ci ha informati di un naufragio al largo della Libia. Secondo quanto ha detto, circa 30 persone sono sopravvissute mentre 67 sono morte“. Per poi aggiungere: “Per chiarezza: non possiamo confermare questa informazione ma temiamo una strage”. Sono queste le parole utilizzate da Alarm Phone su Twitter per informare gli utenti in merito alla segnalazione ricevuta da parte di un pescatore, a proposito di un naufragio al largo della Libia.

In base alla testimonianza, verso le ore 17 di mercoledì 20 novembre, “dei pescatori hanno trovato un gommone sgonfio al largo di Tripoli, e molte persone in mare. Sono riusciti a salvarne 30, ma molte altre sono annegate. Ci hanno detto di aver tentato di contattare la c.d. guardia costiera libica ma invano”. Una vera e propria tragedia, quella segnalata ad Alarm Phone, di cui si attendono ulteriori conferme e delucidazioni in merito.

Nel frattempo la Ocean Viking di Msf-Sos Mediterranee ha salvato altri migranti. In particolare sono state soccorse almeno 30 persone da un’imbarcazione in difficoltà che è stata avvistata dalla nave. “I sopravvissuti ci hanno detto di essere in mare dalla scorsa notte”, hanno quindi precisato. E al momento a bordo ci sono un totale di 125 persone in attesa di essere aiutate.