Un'altra ecatombe nel Mediterraneo

webinfo@adnkronos.com
1 / 2

Strage nel Mediterraneo, oltre 100 morti

Ci potrebbero essere oltre 100 morti nel "tragico naufragio al largo delle coste di Al Khoms" in Libia. Lo ha scritto su Twitter l'Unhcr, secondo cui "le prime notizie indicano che oltre 100 persone sono morte mentre altre 140 sono state recuperate e sbarcate, ricevendo assistenza medica e umanitaria dall'Unhcr e dall'Imc, International medical corps".  "E' appena avvenuta la peggiore tragedia nel Mediterraneo di quest'anno" ha scritto su Twitter l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi. "Deve riprendere ADESSO - esorta - il soccorso in mare, la fine dei campi di detenzione dei migrati in Libia, aumentando i percorsi sicuri per uscire della Libia, prima che sia troppo tardi per molta gente disperata".

Nuova tragedia dell'immigrazione. Potrebbero essere 150 i morti del naufragio avvenuto al largo delle coste di Al Khoms, in Libia. Lo scrive su Twitter il portavoce dell'Unchr per l'Africa e il Mediterraneo/Libia, Charlie Yaxley, che chiede "un cambio di approccio" nella gestione dei flussi migratori, "è urgente salvare le vite in mare". "Le notizie che arrivano parlano di un grande naufragio al largo delle coste della Libia, sarebbero state salvate 150 persone e riportate in Libia: uno dei sopravvissuti riferisce che un grande gruppo è morto in mare, le stime parlano di 150" vittime, riferisce il portavoce. E "se queste cifre sono corrette - denuncia - si tratta della peggiore perdita di vite umane nel Mediterraneo nel 2019. Un dato che ci ricorda, se necessario, che ci deve essere un cambio di approccio sulla situazione nel Mediterraneo. E' urgente salvare vite in mare". 

"La peggiore tragedia nel Mediterraneo di quest'anno" scrive su Twitter anche l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi. "Deve riprendere ADESSO - esorta - il soccorso in mare, la fine dei campi di detenzione dei migranti in Libia, aumentando i percorsi sicuri per uscire della Libia, prima che sia troppo tardi per molta gente disperata". 

Secondo quanto comunica la Marina libica, dopo il naufragio risultano dispersi 115 migranti. Il portavoce Ayoub Qasim ha spiegato all'agenzia Dpa che erano 250 i migranti a bordo dell'imbarcazione affondata e che 134 sono stati salvati dalla Guardia Costiera libica, mentre è stato recuperato il corpo senza vita di un'altra persona. "Le altre persone risultano ancora disperse", ha precisato Qasim, aggiungendo che tra le persone "tratte in salvo" ci sono migranti di Paesi arabi e africani.  

"I nostri team in Libia stanno assistendo 135 sopravvissuti del naufragio avvenuto oggi al largo di Khoms, a est di Tripoli. Sono stati salvati da dei pescherecci e i testimoni oculari parlano di almeno 70 corpi in acqua" si legge in un tweet di Medici Senza Frontiere (Msf). 

"Sono povere vittime della ferocia di questo mondo" commenta il direttore del Cir (Consiglio Italiano per i Rifugiati), Mario Morcone. “Una notizia terribile. Da una prima stima l'Oim e l'Unhcr parlano di almeno 150 persone morte in un naufragio, al largo della Libia. “Il Mediterraneo è sempre più un cimitero. Ora basta - scrive su Facebook Mediterranea Saving Humans - Fermiamo questa strage. I governi europei si adoperino per creare corridoi umanitari subito, per evacuare le donne, gli uomini e i bambini rinchiusi nei campi di concentramento libici". "In mare - conclude Mediterranea - c'è bisogno di soccorso. C'è bisogno anche di noi".