"Navalny sta morendo, è questione di giorni", l'allarme della portavoce

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Alexei Navalny sta morendo. Nelle condizioni in cui si trova, è questione di giorni". E' quanto ha affermato Kira Yarmish, la portavoce del dissidente detenuto nel carcere Ik-2 della regione di Vladimir.  

LEGGI ANCHE: Il disperato appello della figlia di Navalny

VIDEO - Navalny chiuso in un campo di concentramento, le immagini dal carcere

Secondo una lettera scritta al Servizio penitenziario federale dalla sua dottoressa, Anastasia Vasilyeva insieme a tre colleghi, fra cui un cardiologo, Navalny rischia l'arresto cardiaco e problemi gravi della funzione renale "in ogni momento" dato che ha una concentrazione eccessiva di potassio nel sangue (7,1 millimoli per litro, quando la soglia massima è 6). I medici chiedono di poter vedere immediatamente l'oppositore che deve essere visitato immediatamente "considerati i risultati dei suoi esami del sangue e il suo recente avvelenamento". 

LEGGI ANCHE: "Navalny rischia la vita", la reazione di Joe Biden

Intanto più di 70 'celeb' in tutto il mondo hanno firmato una lettera aperta al Presidente russo Vladimir Putin chiedendo assistenza medica "immediata" per il dissidente. "Come cittadino russo ha diritto legale a essere visitato e curato da un medico di sua fiducia", si legge nell'appello. Fra i firmatari, la scrittrice, JK Rowling, i tre Nobel per la letteratura, Herta Mueller, Louise Gluck e Svetlana Alexievich, gli attori Benedict Cumberbatch e Kristin Scott Thomas e gli storici Niall Ferguson e Simon Schama signed. 

Sulla situazione del dissidente russo è intervenuto, nuovamente, il presidente statunitense Joe Biden, definendo "totalmente ingiusto" lo stato in cui si trova Navalny. 

VIDEO - Russia, "la vita di Navalny è a rischio"