Nave troppo alta al porto: il volo Palermo-Lampedusa ritarda

nave palermo lampedusa

I passeggeri del volo Palermo-Lampedusa delle 7:35 hanno dovuto fronteggiare dei disagi. Anche se erano già a bordo e l’aereo era pronto a partire, è dovuto rimanere a lungo nella piazzola di sosta dell’aeroporto Falcone Borsellino di Palermo. Infatti una nave attraccata nel porto dell’isola di Lampedusa avrebbe impossibilitato l’operazione di volo perché era troppo alta dello standard. Il velivolo è poi partito intorno alle 10.30.

Il volo non atterra

La compagnia del volo Palermo-Lampedusa ha fatto sapere ai passeggeri che la partenza, prevista per le 7:35, non sarebbe avvenuta in orario. L’annuncio è stato fatto quando i passeggeri si trovavano già dentro l’aereo e erano in attesa che decollasse. Il velivolo si è trattenuto per molto tempo nella piazzola di sosta dell’aeroporto Falcone Borsellino di Palermo. La decisione è stata presa dal pilota perché gli era stato detto che era impossibile atterrare a Lampedusa a causa di un intralcio.

Il decollo dell’aereo

Il volo non è atterrato per un grave motivo. Una nave che si trovava attraccata nel porto dell’isola avrebbe intralciato l’operazione di volo perché era troppo alta rispetto allo standard. Il corridoio di discesa dell’aeroporto di Lampedusa, infatti, passa a raso sul porto. Per questo le navi troppo alte sono considerate un pericoloso ostacolo per le operazioni di discesa nell’isola siciliana. Dopo aver fatto attendere a lungo i passeggeri, l’aereo è finalmente partito verso le 10.30. Dopo un’ora precisa, alle 11:30, è arrivato all‘aeroporto di Lampedusa. La notizia è stata riportata su lasiciliaweb.it.