Navigator, assunti per 27mila all'anno ma "non fanno nulla"

L’esperimento dei Navigator, assunti un anno fa per aiutare chi riceve il reddito di cittadinanza a trovare un lavoro, non sta andando bene.

Nessuno, infatti, si occupa di promuovere la loro attività (né l’Anpal, l’ente che si occupa delle politiche attive del lavoro, né le Regioni), con il risultato che solo in pochi, tra i percettori del reddito di cittadinanza, hanno davvero capito il loro ruolo. Intanto, però, lo Stato spende per ciascun Navigator 27.339 euro lordi di stipendio annuale, oltre a 300 euro mensili lordi di rimborso trasferte.

VIDEO - Scontro Di Maio-De Luca sui navigator, contestazione a Roma

Scrive Il Secolo d’Italia che, su 2.980 Navigor, in 30 hanno già dato le dimissioni dopo aver vinto concorsi per lavori più stabili (mentre il contratto da Navigator è un co.co.co. in scadenza ad aprile 2021). Ma, riporta Leggo, qualcuno di loro ha comunque fatto in tempo a chiedere l’indennità Covid di 600 euro per marzo e aprile.

VIDEO - Inps, Tridico: reddito cittadinanza anche ai senzatetto