'Ndrangheta, piantagioni di marijuana per le cosche: 8 arresti

Sav

Roma, 27 nov. (askanews) - Coltivavano numerose piantagioni di marijuana negli agri intorno Reggio Calabria (Gioiosa Jonica, Grotteria e Martone) e trafficavano poi gli ingenti quantitativi di sostanza stupefacente prodotta, il tutto a disposizione della locale cosca di 'ndrangheta.

Con una operazione chiamata "Green Day", carabinieri del ROS, di Locri e dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria hanno eseguito 8 misure cautelari, di cui 4 in carcere, nei confronti di altrettante persone, tutte residenti nel comprensorio di Gioiosa Jonica, ritenute responsabili a vario titolo di associazione di stampo mafioso, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanza stupefacente, estorsione (aggravato dall'essere stato commessa da persone appartenenti ad associazione mafiosa).

Le indagini sono state condotte grazie ad una copiosa attività di intercettazione, in aggiunta a osservazioni e pedinamenti. Importanti anche le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, che hanno avvalorato le investigazioni degli inquirenti. Con numerose perquisizioni sono state sequestrate oltre 5 mila piante di marijuana, circa due quintali di stupefacente e migliaia di semi di ottima qualità in termini di resa, pronti all'uso per essere interrati. (Segue)