Negata la terza dose a un uomo: per la burocrazia era morto

·1 minuto per la lettura
Vaccino
Vaccino

Un signore di Forlì aveva intenzione di fare la terza dose di vaccino anti Covid-19, così come il governo raccomanda da diverso tempo, al fine di arginare i contagi del coronavirus in vistosa crescita. Un diritto più che sacrosanto, a beneficio della sua salute (e di quella del prossimo), ma è stato rifiutato. Il motivo? L’uomo risultava deceduto! È accaduto a Forlì.

Due ore di fila per la terza dose, ma è costretto a tornare a casa

Il protagonista della vicenda ha fatto prima due ore di fila per potersi sottoporre alla terza dose di vaccino (detta anche booster) ma è stato costretto ad andare via. Per un disguido tecnico, l’uomo risultava deceduto. Comprensibile la preoccupazione da parte del poverino per la sua incredibile situazione.

Terza dose rifiutata in quanto deceduto: le dichiarazioni dei parenti

I parenti dell’uomo hanno rilasciato ulteriori informazioni circa l’episodio tramite alcune dichiarazioni riportate da Strettoweb: “Neanche una conoscenza fra i dottori, che ha garantito fosse proprio lui, ha potuto evitare di dover andare a casa senza il vaccino fatto…”.

Terza dose rifiutata a “deceduto”: storia conclusasi a lieto fine

Inizialmente all’uomo sarebbe stato detto che avrebbe dovuto essere lui a contattare nuovamente il servizio sanitario dopo qualche giorno, per sapere se il problema fosse stato risolto. Alla fine, la vicenda ha avuto una conclusione positiva: il disguido tecnico presente nel sistema è stato risolto e ciò ha permesso allo sventurato di poter fare la terza dose.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli