Nei pressi della centrale nucleare sarebbero caduti i micidiali ordigni lanciati da aerei di Mosca

Una "cluster bomb" aperta
Una "cluster bomb" aperta

Non si ferma la guerra fra Russia ed Ucraina e bombe a grappolo russe sarebbero piovute in queste ore su Zaporizhzhia, motivo per cui secondo alcuni lanci dei media di Kiev nelle ore della notte appena trascorsa sarebbero stati evacuati tutti i residenti della zona. Il dato da verificare con fonti indipendenti è quello molto allarmante per cui nei pressi della centrale nucleare sarebbero caduti i micidiali ordigni lanciati da aerei di Mosca o da vettori terra-terra a lunga gittata.

Bombe a grappolo russe a Zaporizhzhia

La città e l’area di Zaporizhzhia sono state centrate, questo è il dato certo, da un razzo Iskander-K con bombe a grappolo in ogiva. Nella regione sud-orientale dell’Ucraina dove si trova la più grande centrale nucleare d’Europa, le forze dell’ordine ucraine hanno pertanto evacuato i residenti del distretto di Shevchenkiv dopo un attacco missilistico russo.

La polizia: “Ordigni dovunque sull’area”

La polizia, citata da Unian, ha spiegato che “elementi esplosivi sono sparsi in tutta l’area residenziale. A causa del fatto che quel tipo di munizioni può esplodere in qualsiasi momento, è stata effettuata un’evacuazione temporanea della popolazione. Lo sminamento è in corso”. Le bombe a grappolo o “cluster bomb” si aprono in caduta ed lasciano cadere decine e decine di granate autonome che ricoprono aree intere.