Nel 2017 solo due incidenti mortali su 35 milioni di voli aerei

(Photo by Azhar Khan/SOPA Images/LightRocket via Getty Images)

Il 2017 è stato un anno davvero molto positivo per il trasporto aereo. In quest’anno solamente 2 voli su 35 milioni sono stati coinvolti in incidenti mortali. Il tasso, per la precisione, è dello 0,00000006%. Oppure, più semplicemente, si può dire che c’è stato un incidente mortale ogni 17,5 milioni di voli aerei. In totale ci sono stati 111 incidenti riguardanti l’aviazione civile, 109 dei quali risolti appunto senza vittime.

A titolo di paragone,  nel 2016 ci furono 71 incidenti, dei quali 6 con vittime. Il traffico aereo è cresciuto del 3% nel 2017. Sono dati relativamente positivi, sui quali molti si sono posti la domanda: si tratta di un miglioramento o di fortuna?

Parlare di caso è un modo semplicistico di trattare la questione. Sarebbe stata “fortuna” se nel 2016 o negli anni precedenti gli incidenti mortali fossero stati 10 volte maggiori, ma in realtà il settore del trasporto aereo è più che mai attento  a imparare dai propri errori. In questo modo i viaggi in aereo continuano a essere sicuri, molto più di quelli su ruota.

Quando un aereo cade, tuttavia, fa più notizia. Un po’ perché si tratta di tragedie collettive, un po’ perché succede raramente. Nel 2017 ci sono stati due incidenti mortali con 13 vittime in totale; si sono verificati in Angola e in Russia, su aerei dotati di turboelica e a bordo di compagnie aeree regionali.

Gli addetti ai lavori non si siedono sugli allori, stando ai commenti e alle dichiarazioni conseguenti al rilascio di questi dati. In particolare si chiede sempre più attenzione verso i pericoli legati alle batterie agli ioni di litio, che possono provocare incendi non facilmente estinguibili. Inoltre bisogna migliorare la robustezza generale degli aerei.

C’è un caso che fa scuola: quello dell’Airbus 380 della Air France sul quale esplose uno dei quattro motori. Il guasto è stato decisamente grave, ma l’aereo riuscì comunque ad approdare all’aeroporto utilizzando i motori rimanenti. L’aviazione è dunque un mezzo di trasporto sicuro, ma i rischi di un’avaria in volo sono comunque grandi. Infatti viene chiesto all’intera industria di non lasciarsi andare verso un dannoso autocompiacimento.

Bisogna migliorare la sicurezza anche degli aeroporti: ne è una prova l’incidente aereo a Bishkek, in Kirghizistan: un cargo invase la pista finendo in un villaggio vicino all’aeroporto e uccidendo 35 persone a terra.

L’analisi prende in considerazione gli aerei una massa massima al decollo di 5700 kg o superiore. Sono dunque esclusi i piccoli aerei da trasporto, come i jet privati e altri come i Cessna.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità