Nel 2020 Roma ospiterà la "Next Conference" di Operation Smile

red/rus

Roma, 27 set. (askanews) - E' stata presentata oggi la 'Next Conference 2020', un convegno internazionale che vede riuniti delegati di oltre 40 paesi che fanno parte di Operation Smile, l'organizzazione internazionale formata da volontari medici, infermieri e operatori che realizzano gratuitamente interventi di chirurgia plastica ricostruttiva per correggere malformazioni cranio-facciali, come le labiopalatoschisi. La Conferenza avrà luogo nella Capitale nel novembre 2020. Sarà un evento globale che sancirà una nuova era per l'intera organizzazione umanitaria, che ha deciso di adottare il modello della Smile House quale riferimento per gli standards operativi nei paesi in cui Operation Smile è presente. Davanti ad una platea di istituzioni ed addetti ai lavori, nella splendida cornice del Salone del Commendatore del Complesso Monumentale Santo Spirito in Sassia, i fondatori di Operation Smile, Bill e Kathy Magee, hanno illustrato alla presenza del direttore generale della Asl Roma 1, Angelo Tanese, del viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, dell'Assessore alla Salute della Regione Lazio Alessio D'Amato, della Preside della facoltà di Medicina ed Odontoiatria dell'Università "Sapienza" di Roma, Antonella Polimeni e del Vicepresidente Scientifico della Fondazione Operation Smile Italia Onlus, Domenico Scopelliti, lo scopo della Conferenza che è quello di stimolare la collaborazione e l'aggiornamento professionale e tecnico, nell'ambito delle malformazioni del volto, tra tutti i professionisti che collaborano con l'Organizzazione. Presente anche Luca Autelitano, Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione e Coordinatore clinico della Smile House di Milano.(Segue)