Nel carcere di Bollate detenuti al lavoro nella startup NeN

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 5 lug. (askanews) - NeN, azienda Enertech italiana, lancia il progetto 'IntegrazioNeN' insieme alla cooperativa Bee4 per permettere ai detenuti del carcere di Bollate di lavorare nella startup dell'energia. La partnership ha dato vita al progetto di CSR con una doppia finalità, sociale e di business: da un lato si punta a contribuire al reinserimento lavorativo dei detenuti; dall'altro si guarda a migliorare la qualità del servizio clienti di NeN, affidando a un gruppo di detenuti alcune attività di 'controllo qualità' nel processo di sottoscrizione delle nuove forniture di energia.

A Bollate, dopo un periodo di formazione e affiancamento, i detenuti che lavorano insieme a NeN si occupano di data entry, validazione documentale, controllo e inserimento delle autoletture. Il tutto percependo uno stipendio e costruendo un percorso di rieducazione e reinserimento nel mondo del lavoro.

"Il carcere di Bollate è sin dalla sua apertura un'eccellenza nell'ambito delle politiche di rieducazione dei detenuti. E gli effetti di questo modello si vedono: qui il tasso di recidiva è del 30%, contro il 70% di media nazionale", spiega Pino Cantatore, il presidente di Bee4 che ha in prima persona vissuto un percorso di formazione professionale in carcere prima di fondare la cooperativa. "E' la dimostrazione che far lavorare i detenuti abbatte sensibilmente la possibilità che questi tornino a delinquere una volta scontata la loro pena. Bee4 agisce come ponte con il mondo esterno e favorisce l'interazione con la comunità territoriale in tutte le sue forme: la cooperativa impiega già oggi 120 persone, di cui 90 con problemi di giustizia", ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli