"Nel Lazio 8 positivi su 10 sono di rientro dalle ferie in Sicilia e Sardegna"

·2 minuto per la lettura
(Photo: Emanuele Perrone via Getty Images)
(Photo: Emanuele Perrone via Getty Images)

La situazione covid in Italia si è capovolta. Se ne primi mesi della pandemia era il Nord a registrare il maggior numero dei casi, ora sono le isole ad avere una maggiore incidenza. Otto contagi su dieci, scrive Repubblica, si intercettano nel Lazio tra chi rientra dalle isole. Sono i focolai delle vacanze: secondo quanto emerge dall’analisi del tracciamento, i nuovi positivi arrivano dalle località italiane più che dall’estero.

Il confronto dei numeri è impietoso: oltre 200 casi ogni 100.000 abitanti in Sicilia a fronte dei 35 della Lombardia, dove le percentuali di occupazione dei reparti ospedalieri si fermano al 5% per i ricoveri ordinari e al 3% per le intensive a fronte del 19% e del 12% della Sicilia.

Alla luce dell’aumento sensibile di ricoveri e contagi nelle due isole, l’assessorato al Welfare ha chiesto alle Ats della città metropolitana di Milano, Insubria e Bergamo di attivare negli scali lombardi di loro competenza un’offerta gratuita di screening attraverso tampone naso-faringeo. Coloro che tornano da Sicilia e Sardegna potranno sottoporsi gratuitamente a tampone agli aeroporti di Linate, Malpensa e Orio al Serio.

Anche il Lazio ha retto bene ai contagi, grazie alla spinta delle iniezioni anti covid. “Il primo settembre raggiungeremo quota 4 milioni di cittadini che hanno completato il percorso vaccinale. Risultato analogo alla Danimarca con una popolazione simile al Lazio”, ha reso noto l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato. Inoltre, “dal primo di settembre oltre ai prenotati ci si potrà recare direttamente presso gli hub vaccinali con la tessera sanitaria per effettuare la vaccinazione”.

“Nel Lazio — conferma l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato — circa l’80% dei positivi delle ultime settimane è di rientro dalle ferie trascorse al sud, Sicilia, Sardegna ma anche in Toscana. Frutto del combinato disposto: pochi vaccini, pochi controlli”

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli