Nel mondo l'impatto di inondazioni e siccità sta aumentando di intensità

HOMAS FREY / DPA / DPA PICTURE-ALLIANCE VIA AFP

AGI - La gestione del rischio ha ridotto la vulnerabilità alle inondazioni e alla siccità ma il loro impatto è ancora in aumento in tutto il mondo, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature, con la partecipazione della ricercatrice Marìa del Carmen Llasat, professoressa di Fisica dell'Atmosfera presso la facoltà di fisica e membro dell'Istituto di Ricerca sull'Acqua (IdRA) dell'Università di Barcellona.

Questa intensificazione dell'impatto dei fenomeni naturali è particolarmente evidente quando il secondo evento di pioggia, inondazioni o siccità che interessa la stessa regione presenta un grado di maggiore pericolosità, intensità e magnitudo rispetto al primo evento registrato in precedenza.

"Ciò deriva dal fatto che il miglioramento della gestione è stato basato sui parametri degli episodi precedenti, ma non è stato progettato per far fronte a eventi così estremi", ha osservato Llasat, che quest'anno ha ricevuto la Croce di San Giorgio per la sua carriera nel campo della fisica e per lo studio, la ricerca e la sensibilizzazione sui cambiamenti climatici e sui rischi naturali.

"La difficoltà riscontrata nella gestione di eventi senza precedenti - spiega - è allarmante, soprattutto se si considera che, a causa del cambiamento climatico, gli eventi idrologici che si prospettano stanno diventando sempre più estremi".

Lo studio analizza 29 coppie di episodi di alluvione e 15 casi di episodi di siccità in diverse aree del mondo. L'obiettivo è verificare come siano cambiati questi fattori di rischio tra il primo e il secondo episodio, che generalmente si verificano a più di dieci anni di distanza, ma nello stesso luogo. Gli sforzi per promuovere risposte più operative ed efficaci a questi eventi estremi devono affrontare una serie di ostacoli.

"È necessario che le amministrazioni migliorino la conoscenza del rischio, la distribuzione delle aree più soggette a inondazione della città, come agire in caso di forti piogge, ecc", ha avvertito Llasat.

"Per quanto riguarda i cittadini - ha sottolineato la ricercatrice - è necessario prendere coscienza che questo il rischio aumenterà con il cambiamento climatico e sarà necessaria la partecipazione dei cittadini. L'istruzione nelle scuole, l'obbligo di informazione sui rischi di alluvione, il miglioramento degli avvisi alla popolazione e le linee guida su come agire sia in prevenzione che durante l'emergenza sono anche alcuni dei punti - ha concluso - che dovrebbero essere presi in considerazione. considerato per ridurre l'impatto di questi eventi naturali".