Nel mondo sono cinque milioni le vittime per il Covid

·2 minuto per la lettura

AGi - In meno di due anni di pandemia, i decessi legati al Covid-19 nel mondo hanno raggiunto la quota dei cinque milioni. Il conteggio è della Johns Hopkins University, che riporta esattamente 5.000.425. Il numero complessivo equivale quasi all'intera popolazione di Singapore.

A livello globale, il Covid-19 è ora la terza causa di morte nel mondo, dopo le malattie cardiache e l'infarto. Gli Stati Uniti guidano la triste classifica delle vittime da Covid con oltre 745 mila decessi. 

Nel mese di ottobre 2021 la media dei decessi giornalieri è di circa 197mila.

Il continente americano il più colpito

Il continente americano si conferma il più colpito dalla pandemia di Covid-19 secondo i dati ufficiali.  I Paesi che hanno registrato più vittime sono Stati Uniti (735.941), Brasile (605.644), Messico (285.347) e Perù (200.083). 

In numeri assoluti le Americhe sono al primo posto con 2.282.980 decessi, seguite dall'Europa con 1.379.920, dall'Asia con 1.072.213. In Africa si sono registrati finora 216.840 decessi e in Oceania 3.806.

I dati divisi per continenti sono diffusi dall'agenzia Ue European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc) e si riferiscono al periodo 31 dicembre 2019-28 ottobre 2021, quando il conto complessivo era ancora leggermente al di sotto dei 5 milioni.

Fin dall'inizio della pandemia, del resto, è stato chiaro che i dati forniti da molti Paesi, soprattutto alcuni fra i più popolosi come India o Brasile, rischiano di sottostimare grandemente i numeri reali non avendo un sistema accurato per conteggiare i decessi. Mentre si nutrono dubbi sull'attendibilità delle statistiche fornite da Paesi come la Russia. Secondo Denis Nash, epidemiologo citato dal New York Times, il reale numero dei decessi potrebbe essere almeno il doppio. 

 

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli