Nel paese che ha regole ferree sono stati rilevati i picchi massimi su base quotidiana

In Cina torna l'allarme Covid
In Cina torna l'allarme Covid

Covid in Cina, torna l’allarme con oltre 31 mila casi e nel paese che ha regole ferree sono stati rilevati i picchi massimi su base quotidiana che hanno portato ad una nuova emergenza. Insomma, in Cina e dopo la prima fase della pandemia sarebbe tornato l’incubo Covid. Fanno fede i dati di mercoledì 23 novembre, con un picco di  massimi assoluti su base quotidiana dallo scoppio della pandemia da coronavirus. Ovviamente quei dati vanno “settati” sul criterio del paese, molto severo.

Covid in Cina, torna l’allarme e Pechino si attrezza

I dati sono quelli elaborati dalla Commissione sanitaria nazionale e dicono che le infezioni domestiche si sono attestate a quota 31.444. Di esse 27.517 sono asintomatiche. Sono i “soliti” numeri relativamente bassi e contenuti se si considera quanto accade in altri Paesi, ma non bisogna dimenticare che la Cina persegue la linea della “tolleranza zero”.

Il precedente di Shanghai ad aprile

Lo fa con metodi plastici, con lockdown, test di massa e quarantena, ma di certo Pechino da quella condotta non recede. Basti pensare che ad aprile alcuni focolai bloccarono Shanghai per due mesi e portarono alla chiusura ad altre aree di Pechino con gli hub manifatturieri di Guangzhou e Zhengzhou.