Nel più grosso ospedale di Bergamo la situazione ricorda quella di marzo

·1 minuto per la lettura
Bergamo, Coronavirus al Papa Giovanni XXIII: emergenza
Bergamo, Coronavirus al Papa Giovanni XXIII: emergenza

Per via del Coronavirus, il Papa Giovanni XXIII di Bergamo è nuovamente in piena emergenza.I pazienti Covid stanno aumentando di giorno in giorno”, ha dichiarato Renata Colombi, responsabile del pronto soccorso del rinomato ospedale lombardo.

Coronavirus al Papa Giovanni XXIII

Siamo sotto pressione soprattutto perché stiamo dando una mano alle province in difficoltà, da Como a Varese. Bergamo non va così male, ma siamo comunque in netta salita, in media 5 o 6 persone al giorno”, ha spiegato Roberto Cosentini, direttore del Centro di Emergenza di alta specializzazione. Dalla prima ondata di Coronavirus, un’ala del pronto soccorso del Papa Giovanni XXIII è riservata a chi non ha contratto il virus, mentre quella più lontana dall’ingresso principale ai contagiati.

Bergamo in emergenza Coronavirus

“A me sembra che stiamo ripiombando nella situazione precedente. Questo spazio è ideato per 8 pazienti, a marzo ne abbiamo accolti fino a 22, oggi è di nuovo pieno”, ha detto il medico Danilo Cavalieri, “La prima ondata l’abbiamo presa in faccia e l’abbiamo affrontata, ora viene lo sconforto. Mi sento di appoggiare l’Ordine dei medici: serve un lockdown totale”.

Roberto Cosentini suggerisce dunque di proseguire con il sacrificio e il distanziamento, lavandosi accuratamente le mani e indossando correttamente la mascherina. Sono le uniche armi che abbiamo finché non ci sarà il vaccino. È troppo presto per festeggiare, dobbiamo arrivare a primavera”, ha detto, “L’ambiente è più ostile, il focus si è spostato dalle conseguenze sanitarie a quelle economiche”.