Nel Regno Unito il primo hub per i futuri taxi volanti

·1 minuto per la lettura
featured 1600634
featured 1600634

Roma, 26 apr. (askanews) – Inaugurato a Coventry, in Gran Bretagna, Air-One, un vertiporto, prototipo di un aeroporto urbano per droni di consegna e potenzialmente, in futuro per i taxi volanti.

Per l’occasione, definita dai suoi realizzatori l’inizio della nuova era del viaggio aereo, nel volo inaugurale è stata simbolicamente sollevata dalla rampa di lancio una cassa di spumante del peso di circa 12 chili.

Ricky Sandhu, fondatore e amministratore delegato di Urban-Air Port, la società britannica dietro il progetto, ha spiegato: “Sappiamo tutti che i droni possono volare. Stiamo facendo in modo che questi tipi di droni di diverse dimensioni, forme, anche i grandi taxi aerei possano decollare e atterrare in sicurezza. E possiamo processare in modo sicuro il carico e dare occuparci dei passeggeri per dare conforto e garanzia ai futuri clienti”.

Ulteriori dimostrazioni sono previste nel Regno Unito e non solo nei prossimi mesi. Secondo la società sono progettati per essere facilmente assemblati e smontati, e utilizzano celle a combustibile a idrogeno per fornire energia a “zero emissioni”.

“Stiamo puntando entro i prossimi cinque anni ad averne 200 distribuiti – ha aggiunto Sandhu – e noi pensiamo che sia prudente, perché la logistica del carico e le consegne con i droni stanno già avvenendo. E i servizi di aerotaxi seguiranno la stessa scia di questi ragazzi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli