##Nella notte giapponese il misterioso rito imperiale del Daijosai -6-

Mos

Roma, 14 nov. (askanews) - I critici sostengono che il Daijosai viola la laicità sancita costituzionalmente per lo Stato nipponico. In particolare, l'Articolo 20 della Costituzione chiarisce che statoe religione sono separati, istituendo una cesura col periodo tra la Restaurazione Meiji (1868) e la sconfitta (1945) nel quale il Tenno era venerato come figura divina e in suo nome si svolgeva lo sforze imperiale nipponico. Il fatto che il governo abbia stanziato per questa cerimonia quasi due miliardi e mezzo di yen (circa 21 milioni di euro), per tre quarti usati per la costruzione delle strutture temporanee che verranno poi smantellate dopo il Daijosai (ma sarà possibile per i cittadini visitarli tra il 21 novembre e l'8 dicembre). Come ogni volta in questo caso, sono stati presentati diversi ricorsi presso la Corte suprema per violazione della Costituzione.(Segue)