Nella palude

Alessandro De Angelis
Nicola Zingaretti - Giuseppe Conte - Luigi Di Maio

Si va avanti così, senza un vero perché che non sia una somma di debolezze. S’ode a destra uno squillo di tromba, a sinistra risponde uno squillo, solo che destra e sinistra sono nello stesso governo: sul Mes, sulla prescrizione, e chissà quale sarà il prossimo squillo, in un clima quasi da pre-crisi, dopo solo novanta giorni di governo che hanno già invecchiato l’illusione di costruire una coerente alleanza politica e sciolto di fatto un contratto fino in fondo mai sottoscritto almeno su qualche punto condiviso.

Al netto della manovra, che pure si annuncia un percorso a ostacoli, con la maggioranza che ha più emendamenti dell’opposizione, ogni giorno, diciamo le cose come stanno, è sempre la solita storia, di una incertezza strutturale. Il rinvio come unica modalità di governo o non governo, senza che nessuno esprima la forza, la leadership, il coraggio per governare la situazione o per dire in che modo andare avanti o se staccare la spina. Rinviata l’Ilva, rinviata Alitalia, rinviata anche la prescrizione, in una situazione di parole in libertà in cui tutti si possono permettere di dare segnali, sempre più scomposti, certi che la rottura non si produrrà, al netto di un incidente casuale, mai da escludere quando le situazioni si logorano in questo modo.

Ecco, quel che è accaduto sulla prescrizione è piuttosto paradigmatico del momento: la maggioranza, alla Camera, vota contro la richiesta di calendarizzare con urgenza il ddl di Enrico Costa di Forza Italia, che nel merito è condiviso anche dal Pd, perché – evidentemente – il voto favorevole rappresenterebbe, se non l’incidente che apre la crisi, comunque un serio casus belli. Anche i renziani, che pure marcano un distinguo non partecipando al voto, evitano di drammatizzare, come sarebbe stato se avessero votato con le opposizioni. Significa che anche Renzi gioca ad ottenere una visibilità e un profilo autonomo, ma non vuole tornare al voto sulla linea del “muoia Sansone con tutti i...

Continua a leggere su HuffPost