Nelle intenzioni di voto degli italiani il Pd consolida il primato

·4 minuto per la lettura

AGI - Dopo le “scosse” registrate durante le settimane successive alla (doppia) tornata di elezioni amministrative, nell'ultimo periodo i consensi alle forze politiche sembrano essersi attestati su un nuovo equilibrio. In questo nuovo equilibrio, ormai tutti gli istituti demoscopici vedono il Partito Democratico come prima forza politica, sopra il 20%. Nella nostra Supermedia, in seconda posizione c'è Fratelli d'Italia, con il 19,5%, davanti alla Lega (18,4%). In generale, tutti gli scostamenti questa settimana sono minimi, con l'eccezione del calo – non irrilevante – del Movimento 5 Stelle, che perde oltre mezzo punto e scende sotto il 16%.

È possibile che le vicende delle ultime settimane (tra cui la polemica per l'esclusione del M5S dall'ultima tornata di nomine Rai) non abbiano giovato al partito guidato da Giuseppe Conte, che appare piuttosto in difficoltà su diversi fronti. Ma, come spesso diciamo su queste colonne, ci riserviamo di vedere confermata la tendenza nelle prossime settimane per fare ulteriori considerazioni.

Nel complesso, ad ogni modo, gli equilibri non mutano in modo significativo. Anche perché la dialettica tra le forze politiche nell'ultimo periodo non si è sviluppata intorno a temi particolarmente divisivi, e questo ha ovviamente impedito ai partiti di guadagnare – o perdere – consensi prendendo una posizione piuttosto che un'altra. Anche sull'ultima, importante misura presa dal Governo, ossia il cosiddetto “Super Green Pass” illustrato ieri  in conferenza stampa da Draghi insieme ai ministri Speranza e Gelmini, i sondaggi registrano un consenso alto e trasversale. Secondo una rilevazione dell'istituto EMG, ben il 70% degli italiani condivide l'esclusione dei non vaccinati dai soggetti in grado di accedere con Green Pass a determinati servizi (ristoranti, cinema, trasporti pubblici…).

Sondaggio EMG per @agorarai: l'opinione degli italiani sul "super Green Pass" pic.twitter.com/1g8S4ahC2z

— YouTrend (@you_trend) November 25, 2021

Certo, oltre un quarto degli italiani è contrario a questa stretta. Il numero dei favorevoli è però indicativo anche perché ricalca quasi perfettamente le percentuali stimate verso i partiti che compongono l'ampia maggioranza di governo. Ad oggi, infatti, la “iper-maggioranza” di Draghi vale infatti poco meno del 73% dei voti potenziali, come si vede dal seguente grafico.

Lo stesso grafico, però, ci dice anche che i partiti di governo hanno perso oltre 5 punti nei 9 mesi trascorsi dal giorno in cui l'attuale esecutivo è entrato in carica. Ma la perdita di consenso non è stata uniforme per tutte le componenti: essa è al contrario quasi interamente ascrivibile alla componente del centrodestra “governista” (Lega-Forza Italia-altri), mentre la componente centrista/lib-dem è rimasta sostanzialmente stabile e quella giallo-rossa ha addirittura incrementato, sia pure di poco, il suo bottino di voti virtuali.

Guardando questi numeri, si potrebbe essere tentati di dichiarare estremamente aperta la competizione per le prossime elezioni politiche. Del resto, se ai consensi di una ipotetica coalizione giallo-rossa (circa 38%) si potessero sommare i voti del centro liberale (8%) si arriverebbe a pareggiare il dato del centrodestra unito, che ad oggi vale esattamente il 46%. In politica, però, 2 più 2 non fa quasi mai 4. E che le cose, anche in questo caso, non siano così semplici, lo dimostra un sondaggio SWG di qualche settimana fa.

Secondo questo sondaggio, le forze che vanno da Leu ad Azione, passando per PD, M5S e Italia Viva, varrebbero sulla carta poco più del 50% dei voti, contro il 47,3% dei partiti di centrodestra; ma, se gli elettori fossero chiamati a scegliere tra queste due coalizioni, sarebbe il centrodestra a raggiungere il 50%, mentre il “super-centrosinistra” allargato (sul modello della fu Unione prodiana degli anni 2005-2006) scenderebbe al 45%. Questo perché molti elettori di sinistra e del M5S preferirebbero non votare il loro partito se quest'ultimo facesse parte di una coalizione comprendente Renzi e Calenda; allo stesso modo, gli elettori più liberali non voterebbero un simile rassemblement, avendo come possibile scelta alternativa – oltre all'astensione – persino il voto a forze di centrodestra (come Forza Italia). Complessivamente, secondo SWG, ben il 17% degli elettori potenziali di questo centrosinistra allargato sceglierebbe di non votarlo, giudicandola evidentemente una coalizione troppo forzata e incapace di esprimere una seria alternativa di governo.

NOTA: La Supermedia YouTrend/Agi è una media ponderata dei sondaggi nazionali sulle intenzioni di voto. La ponderazione odierna, che include sondaggi realizzati dall'11 al 24 novembre, è stata effettuata il giorno 25 novembre sulla base della consistenza campionaria, della data di realizzazione e del metodo di raccolta dei dati.
I sondaggi considerati sono stati realizzati dagli istituti EMG (data di pubblicazione: 16 novembre), Euromedia (18 novembre), Piepoli (15 novembre) SWG (15 e 22 novembre) e Tecnè (13 e 20 novembre).
La nota metodologica dettagliata di ciascun sondaggio considerato è disponibile sul sito ufficiale www.sondaggipoliticoelettorali.it.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli