Nello zaino ha 1,6 kg di "eroina dei poveri": arrestato a Milano

Red/Alp

Milano, 10 mar. (askanews) - Un giovane di 23 anni di origini albanesi è stato arrestato a Milano dalla polizia locale che lo ha trovato in possesso di oltre 1,6 chili della pericolosissima "Cobret", la cosiddetta "eroina dei poveri" ricavata dagli scarti di eroina e dalla lavorazione dell'oppio, da poco commercializzata in Italia. L'arresto risale al 28 febbraio scorso ma la notizia è stata diffusa soltanto oggi.

Secondo quanto riferito dai vigili, l'uomo è stato fermato da alcuni agenti in borghese, che lo hanno visto uscire velocemente dal portone di un palazzo in zona viale Monza con fare "guardingo", con indosso uno zainetto e con in mano due cellulari. Nello zaino, il 23enne trasportava tre sacchetti sottovuoto pieni di stupefacente per un peso complessivo di 1.637 grammi. Nella successiva perquisizione all'interno dell'appartamento, i "ghisa" hanno trovato quattro frullatori ancora sporchi di varie sostanze, due bilancini digitali, una macchina per il sottovuoto e altri sei sacchetti pieni di sostanza da taglio (un composto di caffeina, fenicitina e altre sostanze farmaceutiche).

Tra i diversi arresti effettuati dai vigili milanesi nelle ultime settimane, va segnalato quello di un 25enne iraniano, bloccato all'interno della stazione Centrale con oltre 31 grammi di shaboo.