Neofascismo, Orlando (Pd): ormai è emergenza, basta minimizzare

Mda

Milano, 12 nov. (askanews) - "Oggi a Siena, in Toscana, nel 2019, è stato sequestrato un arsenale a degli estremisti di destra che inneggiavano al fascismo e al nazismo. Da alcune conversazioni intercettate sembrerebbe chiara persino l'intenzione di un attentato a una moschea. Siamo oramai all'emergenza quotidiana. Cene per festeggiare la marcia su Roma, targhe che ricordano persone uccise sporcate, ragazzi picchiati, fondi per il treno della memoria negati, la scorta a una sopravvissuta alla Shoah. Non è uno scherzo e noi non ci stiamo più". Lo ha affermato in una nota il vicesegretario del Pd Andrea Orlando, secondo cui "sono episodi gravi ed è l'ora di finirla con le minimizzazioni. A tutte le forze politiche democratiche chiediamo di prendere posizione e reagire".

"Continuare a dire che fascismo e antifascismo sono uguali come fa Salvini od ospitare i 'fascisti del terzo millennio' sui palchi delle manifestazioni della destra contribuisce a sdoganare un clima dove imperversa odio e violenza. A ognuno di noi spetta reagire. Il Partito Democratico - ha concluso - non rimarrà in silenzio, non rimarrà immobile davanti a violenze fisiche o verbali. Fermeremo questo clima di odio e ricacceremo da dove vengono i responsabili".