Neonata abbandonata in auto: positiva alla cocaina

Carabinieri
Carabinieri

Il Tribunale dei Minori di Roma ha deciso di togliere ai genitori la neonata che era stata abbandonata in auto con 40 gradi. La piccola è risultata positiva alla cocaina.

Neonata abbandonata in auto risultata positiva alla cocaina: tolta ai genitori

La neonata di due mesi lasciata in auto con 40 gradi è stata tolta ai genitori e verrà affidata ad un istituto. Lo ha stabilito il Tribunale per i Minorenni di Roma, che ha emesso un decreto d’urgenza per la sospensione della responsabilità genitoriale a seguito dei fatti che si sono verificati a Borgo Montello, frazione del Comune di Latina. I genitori sono stati denunciati per abbandono di minori. Fortunatamente, secondo quanto si è appreso, la bambina sta bene ed è stata sottoposta a tutti gli accertamenti del caso. La piccola è risultata positiva alla cocaina e dovrà restare in osservazione in ospedale in via precauzionale.

Neonata abbandonata in auto: è stata salvata da una commessa

La neonata è rimasta chiusa in macchina per mezz’ora, sotto il sole, con temperature che sfioravano i 40 gradi e che potevano rivelarsi letali. I genitori, un 40enne e una 38enne con precedenti penali, erano fuori dall’auto che discutevano animatamente. A notare la piccola è stata la commessa di un negozio, attirata dal litigio tra i due genitori. Si è accorta che la piccola era chiusa in auto con i finestrini chiusi e che piangeva, così ha chiamato i carabinieri. Mentre aspettava le forze dell’ordine, ha aperto la portiera, ha preso la bambina e l’ha portata al sicuro all’interno di un bar. Sul posto sono arrivati gli agenti e un’ambulanza, che ha preso in carico la piccola e l’ha portata in codice rosso all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina. Nonostante abbia rischiato molto, la commessa è riuscita a salvarle la vita.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli