Neonato dichiarato morto: sopravvive 6 ore all'obitorio

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Un neonato, dichiarato morto dopo il parto, sopravvive sei ore nella cella frigorifera dell'obitorio prima di essere soccorso. L'incredibile vicenda è andata in scena in un ospedale di Puebla, in Messico. Il bimbo, nato prematuro dopo una gravidanza di appena 23 settimane, è stato dichiarato morto alle 4.29 del mattino. Gli addetti dell'obitorio lo hanno trovato vivo alle 10 del mattino, dopo circa 6 ore. Miguel Angel Flores, uno dei dipendenti della società di una società di pompe funebri, avrebbe dovuto portare via il corpo. "Quando siamo arrivati, ci siamo resi conto che piangeva e si muoveva. Abbiamo chiamato il padre, anche lui ha visto che il bambino piangeva. Siamo corsi a chiamare il medico che aveva firmato il certificato di morte. Non riesco a credere che non sia morto lì dentro, non ho mai vissuto un'esperienza del genere", ha detto l'uomo. Sui social è diventato virale un video che ritrae il piccolo, avvolto in un lenzuolo mentre il padre ripete: "E' vivo, sta piangendo, è vivo". L'IMSS, un'agenzia del sistema sanitario nazionale, ha confermato l'apertura di un'inchiesta sul caso.