Nessun lockdown per Natale ma la chiara indicazione del ministro della Salute Lauterbach

·1 minuto per la lettura
Il ministro della Salute tedesco Karl Lauterbach
Il ministro della Salute tedesco Karl Lauterbach

La variante Omicron dilaga nel paese dopo il primo caso censito a fine novembre e la Germania va verso l’obbligo vaccinale: non ci sarà alcun lockdown per Natale ma la chiara indicazione del ministro della Salute Karl Lauterbach per una stretta normativa che argini la quinta ondata del covid, imminete o già in atto che sia.

Germania verso l’obbligo vaccinale, il titolare della Salute ammette che così covid “non può essere fermato”

Ondata che a detta del membro del governo “non può essere fermata” se non con l’obbligo vaccinale, visto ormai da molti paesi come unico modo per fermare la pandemia. Lauterbach lo ha detto parlando ad Ard: “Qui non ci sarà un blocco prima di Natale. Ma avremo una quinta ondata”.

Soglia critica superata e obiettivo protezione, perciò la Germania va verso l’obbligo vaccinale

Il ministro ha spiegato che è stata ormai superata la soglia critica quanto al numero di persone infette dalla variante Omicron. Ed ha affermato in merito: “Questa ondata non può più essere fermata completamente. L’obiettivo è proteggere coloro che sono particolarmente a rischio”. Come? Rilanciando la campagna vaccinale, che in Germania aveva avuto un successo discreto ma non buono, e ed educando le persone “su ciò che è possibile fare durante le vacanze e su ciò che non lo è.

I numeri alti della Germania e l’ostacolo verso l’obbligo vaccinale: la burocrazia

E in chiosa: “La mia preoccupazione ora è portare avanti la campagna di richiamo e la prima campagna di vaccinazione il più rapidamente possibile, senza burocrazia e alla massima velocità”. I dati della Germania sono preoccupanti: nelle ultime 24 ore il paese ha registrato 29.348 nuovi casi di Covid e 180 decessi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli