Nessun segnale di speranza per i diritti civili a Cuba

·3 minuto per la lettura
(Photo: CRISTOBAL HERRERA-ULASHKEVICHE/PA)
(Photo: CRISTOBAL HERRERA-ULASHKEVICHE/PA)

“Inutile girarci attorno: abbiamo perso. Molti di noi non sono riusciti neanche a uscire di casa. Altri che manifestazione! Siamo demoralizzati. Ci vorranno mesi prima di riuscire a organizzare un’altra protesta. Forse anni”. Da Cuba arriva sconsolato il messaggio di un dissidente. I cortei pacifici che lunedì avrebbero dovuto replicare dopo quattro mesi il sollevamento spontaneo di luglio sono falliti.

Il nuovo presidente Miguel Diaz-Canel, che da aprile ha rimpiazzato Raul Castro, fratello di Fidel, ha per ora sgominato la resistenza nata dalla crisi economica e dall’assenza di libertà. Ormai manca il cibo, l’elettricità va e viene con blackout di ore, i turisti sono spariti e pochi torneranno questo inverno come tutti speravano, perché la quarta ondata del virus in Europa rallenta le prenotazioni. Perfino la sanità è crollata davanti al covid: ora la curva si è abbassata, ma fino a metà settembre i morti rasentavano i cento al giorno. Che per un Paese di undici milioni di abitanti equivalgono a 600 in Italia.

La mobilitazione nazionale era stata annunciata pubblicamente dagli oppositori con largo anticipo, cosicché il regime ha avuto il tempo per prepararsi, dispiegando tutta la forza dell’apparato repressivo collaudato in 63 anni di dittatura. I dissidenti più noti come Saily Gonzalez Velazquez sono stati bloccati in casa già il giorno prima. Yunior Garcia non ha potuto neanche affacciarsi alla finestra: i vicini ‘patrioti’ del piano di sopra gliel’hanno oscurata srotolando una grande bandiera cubana. Soltanto una dozzina gli arrestati, fra cui Agustin Figueroa Galindo del blog Primavera Digital e Berta Soler Fernandez, leader delle Damas de Blanco, mogli e figlie di prigionieri politici. Di bianco avrebbero dovuto vestirsi i manifestanti lunedì, scendendo nelle strade. Che invece si sono riempite di agenti in borghese e militanti del partito comunista, che a Cuba conta un milione di iscritti. Così gli oppositori hanno mestamente ripiegato su un video online in cui mostrano lenzuola bianche, e su pentole con cui battere ogni sera alle nove.

“I delatori hanno fatto il loro mestiere, e hanno spifferato i nostri piani alla polizia”, si lamenta il dissidente. “Sapevano tutto di noi: orari, punti di incontro, indirizzi dei coordinatori all’Avana e nelle altre città. Non possiamo fidarci di nessuno, le spie sono dappertutto. Possono essere i nostri amici, parenti, vicini di casa. Ormai, per essere sicuri di non essere intercettati, dobbiamo mandare i bambini a consegnare messaggi. Siamo tornati indietro di un secolo, a prima del telefono. Altro che internet e chat. Perfino se ci parliamo di persona siamo ascoltati da microspie, in casa o nei bar, e dai radar dei poliziotti all’aria aperta”.

Quindi l’unica vostra arma resta la sorpresa. “Sì, come a luglio. Ma in quel caso perdiamo il controllo, c’è violenza, gruppi di vandali si scatenano e danno la scusa ai poliziotti di intervenire con durezza. Invece ci sono due cose su cui tutti i movimenti riuniti nella piattaforma Archipielago concordano: vogliamo manifestazioni pacifiche, e niente aiuti dall’estero. Cioè dai fuoriusciti cubani in Florida: fra loro ci sono troppi fascisti”.

Chi può, scappa. Un mese fa nove giocatori di baseball cubani hanno chiesto asilo politico in Messico durante la Coppa del Mondo under 23. Sono però ancora mezzo migliaio gli incarcerati dopo i disordini dell′11 luglio. Alcuni di loro sono stati processati e colpiti con sentenze devastanti: anche trent’anni di carcere per avere sfidato la quiete del regime.

Insomma, non c’è alcun segnale di speranza per i diritti civili a Cuba. Il governo riesce a censurare perfino la parola ‘libertad’ quando appare nei messaggi delle chat, in una continua lotta fra aperture e chiusure di gruppi WhatsApp, Telegram e Facebook. Ma tutti i provider hanno l’obbligo di segnalare ogni “attività controrivoluzionaria”. Dal Venezuela alla Cina, dalla Corea del Nord alla Birmania, dal Vietnam all’Arabia Saudita, le dittature sembrano controllare la situazione in questi ultimi anni. Anche perché quando i dittatori cadono, come Saddam e Gheddafi, non sempre il risultato è positivo in termini di ordine pubblico e sicurezza. E Cuba non fa eccezione a questa tendenza mondiale.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli