Nestlè Italia lancia piattaforma per visita virtuale azienda

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 9 giu. (askanews) - Nestlé Italia lancia, in collaborazione con vFAIRS, una piattaforma digitale per far scoprire agli aspiranti candidati la realtà italiana del gruppo. Un viaggio virtuale tra gli stabilimenti e le sedi di Nestlé in Italia, le marche, i valori, le iniziative di sostenibilità e le attività concrete promosse nelle comunità in cui opera.

La piattaforma è accessibile a tutti ed è pensata come una soluzione per potenziare in chiave digitale i processi di selezione e di attrazione di giovani talenti. Una rivoluzione del processo di recruiting e un nuovo tassello dello sforzo del Gruppo per sostenere e valorizzare il talento e le idee dei ragazzi al fine di evitare una "generazione lockdown".

"Da sempre noi di Nestlé siamo convinti che i giovani possano dare un contributo importante allo sviluppo della azienda. Per questo, da tempo siamo impegnati a offrire opportunità a ragazze e ragazzi attraverso assunzioni, stage, attività formative e orientamento al lavoro - ha dichiarato Giacomo Piantoni, direttore risorse umane del gruppo Nestlé in Italia - La pandemia non ha smorzato il nostro sforzo per supportare le giovani generazioni, ma durante il lockdown ci è mancato molto non poter ospitare tutti gli studenti che eravamo soliti ricevere per mostrare loro la nostra realtà aziendale. Questa è stata la molla che ci ha spinto a scegliere lo strumento della visita virtuale per consentire di far conoscere Nestlé a tutti coloro che sono interessati".

In Italia Nestlé si impegna da qui al 2025 a offrire 1450 assunzioni dirette e 1400 stage in Italia, che diventano 40.000 nuove opportunità se si considera l'Europa, il Medio Oriente e il Nord Africa. Questo traguardo si inserisce nel progetto Nestlé Needs YOUth, inaugurato nel 2013, che è stato il primo programma di educazione e formazione lanciato da un'azienda a livello globale con l'obiettivo di contrastare la disoccupazione giovanile e offrire opportunità economiche a 10 milioni di giovani in tutto il mondo entro il 2030.