Netanyahu voleva maxi offensiva su Gaza, ha rinunciato all'ultimo -2-

Ihr/bea

Roma, 16 set. (askanews) - Secondo Haaretz, Netanyahu, che è anche ministro della difesa, puntava ad una reazione militare "straordinaria" e "di vasta portata" in risposta al razzo, ma diversi dirigenti delle forze di sicurezza nel corso della riunioen hanno espresso el loro perplessità.

Infine il procuratore generale Avichai Mandelblit - scrive Haaretz - ha informato Netanyahu per telefono che, sulla base di un emendamento del 2018 alla legge sul funzionamento del governo, il primo ministro è tenuto a consultare il governo, o in sua vece il comitato per la sicurezza nazionale, su qualsiasi decisione relativa ad una grande operazione militare potrebbe portare il Paese a guerra.(Segue)