Neutrini e fotoni da stessa sorgente cosmica, le dichiarazioni

Gbt

Roma, 12 lug. (askanews) - "Un altro grande risultato dell' astronomia multimessaggero, oltre ai fotoni e alle onde gravitazionali, sorgenti estremamente energetiche nell'universo comunicano con noi attraverso neutrini di altissima energia. Grazie a questa nuova astronomia l'universo ogni giorno diventa più piccolo e meno sconosciuto, grazie ai sofisticati strumenti a terra e nello spazio sviluppata dai ricercatori di ASI, INAF e INFN".

Lo sottolinea il presidente dell'Agenzia spaziale italiana, Roberto Battiston, commentando l'annuncio del rilevamento per la prima volta, della possibile sorgente di un neutrino cosmico grazie all'associazione con una sorgente di raggi gamma, cioè fotoni di alta e altissima energia.

"Questo è un risultato di estrema importanza, - afferma ancora Fernando Ferroni, presidente dell'INFN - perché innanzitutto conferma la straordinaria potenza di indagine dell'astronomia multimessaggero. Il fatto poi che, in questo caso, sia stato un neutrino a innescare la scoperta conferma il ruolo chiave che questa sfuggente e ancora poco conosciuta particella può giocare nella nostra comprensione dell'universo e, quindi, quanto è fondamentale riuscire a conoscerne a fondo la natura. La rivelazione di IceCube conferma, inoltre, l'efficacia delle nostre strategie di indagine dei neutrini: vale a dire andare, non solo sottoterra come nei Laboratori INFN del Gran Sasso, ma anche sotto i ghiacci e sott'acqua come fa l'esperimento ANTARES, cui collaboriamo al largo delle coste francesi, e KM3Net, che stiamo realizzando assieme a una collaborazione internazionale in Sicilia. E le osservazioni dei rivelatori di fotoni gamma, come Fermi e MAGIC, confermano la nostra abilità, scientifica e tecnologica, di indagare il mondo delle particelle elementari con molti diversi strumenti. Infine, ma non ultimo, questo risultato dà un'ulteriore conferma della capacità della fisica italiana di essere protagonista delle grandi imprese scientifiche che si conducono a livello mondiale".

Infine Nichi D'Amico, presidente dell'Inaf, commenta entusiasta: "Anche in questa scoperta, come nel caso dell'emissione di onde gravitazionali da parte del primo merger di due stelle di neutroni mai osservato, la potenza di fuoco di cui dispone l'Inaf, a tutte le lunghezze d'onda e con strumentazione di avanguardia da terra e dallo spazio, si è dimostrata determinante per rispondere ad alcune delle domande fondamentali per la comprensione dell'universo".