Neve a Milano: chiusi i parchi pubblici dopo caduta degli alberi

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 28 dic. (askanews) - Sono attivi dall'una di stanotte a Milano 200 mezzi spargisale e spazzaneve per fronteggiare la perturbazione che ha portato in città almeno 20 centimetri di neve. In strada ci sono anche 800 uomini ai quali si aggiungeranno altri 400 spalatori nel corso della giornata. Lo specifica una nota di Palazzo Marino. "Diversi interventi si sono resi necessari per la caduta di alberi e rami dovuta al peso della neve, ragion per cui l'amministrazione - si legge - ha deciso di chiudere i parchi pubblici e raccomanda di non utilizzare le aree alberate non recintate".

Le persone al lavoro, viene specificato, sono state utilizzate per liberare i punti più critici, come fermate Atm (di superficie e accessi alle metropolitane), ingressi agli ospedali e agli uffici pubblici. La Polizia locale, fa sapere l'amministrazione, sta presidiando il territorio con circa 50 pattuglie, dieci le squadre della Protezione civile in azione. In ogni caso viene raccomandato di evitare gli spostamenti se non necessari e, nel caso di utilizzo del mezzo privato, solo se dotato di catene o ruote da neve.

"Agli amministratori di condominio - si legge nella nota - si rinnova l'appello a tenere liberi e puliti gli accessi agli stabili privati e i marciapiedi di pertinenza, anche in vista del calo delle temperature di questa notte che potrebbe determinare la formazione di ghiaccio sul manto. Per quanto riguarda gli stabili di edilizia residenziale pubblica del Comune, MM ha attivato le imprese e i custodi dalle prime ore del mattino per liberare i vialetti interni e gli accessi".