New York, al via la rimozione della statua di Theodore Roosevelt

Sono iniziate le operazioni di rimozione della statua di Theodore Roosevelt dall'ingresso del museo di Storia Naturale di New York.

La statua, che immortala l'ex presidente a cavallo con un afroamericano e un nativo americano che camminano dietro di lui, sarà trasferita alla nuova Theodore Roosevelt Presidential Library di Medora, in Nord Dakota, che aprirà nel 2026.

Le autorità di New York avevano annunciato la rimozione della statua la scorsa estate, in seguito alle proteste contro il razzismo legate all'uccisione di George Floyd.

LEGGI ANCHE: Statue Usa: attivista "Black Lives Matter" al posto dello schiavista

Dopo la morte per soffocamento dell'afroamericano 46enne durante l'arresto a Minneapolis, era divampata una protesta antirazzista che si è poi trasformata in una furia iconoclasta. A farne le spese sono state le statue di personaggi legati alla schiavitù o ai regimi coloniali. A partire dagli Usa, e poi in tutto il mondo, i manifestanti rivendicavano la rimozione delle sculture e talvolta le imbattavano, sradicavano o decapitavano.

SFOGLIA: Milano, imbrattata la statua di Indro Montanelli

In Italia il movimento dei Sentinelli di Milano aveva inviato un appello al sindaco affinché venisse rimossa la statua di Indro Montanelli dai Giardini a lui intitolati. Il giornalista, nel periodo del colonialismo fascista in Africa, aveva infatti comprato e sposato una bambina eritrea di dodici anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli